Un Ponte costruito con un Patto…

Eccoci tornati con un altra Leggenda; oggi però voglio uscire dalle splendide Mura di Lucca e raccontarvi una leggenda che mi lega molto, anche perché non troppo lontano da lì abitano i miei Nonni Materni ed ogni volta che andavo da loro, appena svoltata la curva della stessa cittadina di Borgo a Mozzano mi si apriva un grande e meraviglioso ponte con i suoi archi geometrici che quasi disegnavano un cerchio perfetto grazie al  riflesso del fiume Serchio, ed ogni volta, mi immaginavo tutte quante le leggende che vi erano a suo nome.

Con questi pochi dettagli spero di avervi fatto capire di cosa sto parlando:

Il Ponte della Maddalena o meglio conosciuto come Il Ponte del Diavolo.

Image result for ponte del diavolo borgo a mozzano

Le leggende del Ponte della Maddalena o Ponte del Diavolo sono numerose e sconvolgenti, si passa da una Donna ricchissima e piena di sfarzi, a Santi, capomastri fino ad arrivare a vendere le proprio anima al Diavolo in persona.

Oggi vi voglio raccontare la leggenda che da piccolina mi veniva in mente ogni volta che passavo davanti a questo maestoso Ponte.

Tutto ha inizio dalla costruzione del Ponte in tempi medioevali, sapendo di essere in ritardo con i tempi il Capomastro era ormai disperato e sfinito, questo perché ogni volta che arrivava al punto più alto della costruzione del Ponte, questo cedeva nella acque del fiume Serchio, ogni volta, non c’era giorno in cui il Capomastro gettava i remi in barca, (come si suol dire). Ma una sera, stanco e disperato il povero Capomastro si mise a riflettere sulle sponde del Fiume quando a un certo punto gli apparve il Diavolo in persona, costui apparve dalle acque del Fiume, famoso per proferire i suoi patti il Diavolo non aspettò un momento in più e decise di proporre al Capomastro un Patto assai bizzarro.

Il Patto consisteva nel costruire in una sola notte tutto quanto il Ponte fino ai minimi dettagli però il Diavolo essendo così astuto decise di chiedere la prima anima che lo avesse attraversato; il Diavolo voleva proprio il Capomastro…

Il Capomastro era così disperato che accettò subito il Patto ma nella notte smosso da pentimento e non sapendo come fare decise di chiedere aiuto ad un Parroco, i due arrivarono ad un soluzione che avrebbe lasciato di stucco il Diavolo…

La mattina seguente, il Capomastro ed il Parroco attuarono la soluzione; decisero di far passare attraverso il ponte un Cane, il Diavolo balzò fuori dalle acque del Fiume e si impossessò dell’animale, rendendosi conto che non era il Capomastro si rifugiò per sempre nelle acque oscure del Fiume Serchio e non ne fece più ritorno.

Fortunatamente il Ponte del Diavolo è ancora visitabile ma si dice che se dal punto più alto del Ponte ci si affaccia a guardare il Fiume si riescono ad intravedere le corna del Diavolo…

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...